Passa ai contenuti principali

Recensione libro: "La ragazza del treno" di Paula Hawkins. Che cosa ne penso ?



Buon pomeriggio a tutti voi,
una delle ultime letture in cui mi sono imbattuto è 'La ragazza del treno' di Paula Hawkins.
Perciò, in questo post, andremo ad analizzare questo libro.

Il libro è ambientato a Londra; la storia del film (alla cui produzione Hawkins non ha partecipato) si svolge invece a New York. Parla di Rachel Watson, una donna che ha divorziato dal marito (interpretato da Theroux) dopo aver scoperto che lui la tradiva. Rachel è sola, alcolizzata e senza lavoro: è stata licenziata ma per nascondere la cosa a chi la conosce continua ogni giorno ad andare avanti e indietro lungo la Hudson Line, la linea ferroviaria dei pendolari che lavorano a New York ma vivono qualche decina di chilometri più lontano. Lungo il percorso Rachel vede la sua vecchia casa, in cui il suo ex marito ora vive con la sua nuova famiglia; per distogliere le sue attenzioni finisce per concentrarsi su una casa non molto lontana, in cui vivono Megan e Scott, una coppia che agli occhi di Rachel – che inizia a osservarli in modo quasi morboso – è praticamente perfetta.Un giorno Rachel scopre però che Megan tradisce Scott, e ci resta malissimo. Il giorno dopo Rachel si sveglia con un grandissimo mal di testa (forse dovuto all’alcol), graffi, ferite e nessun ricordo di cosa ha fatto nelle ore precedenti. Poco dopo scopre che Megan è sparita, e lei finisce per essere coinvolta nell’indagine della polizia sulla scomparsa di Megan.

La trama, pur interessante all'inizio, si rivela mediocre nello svolgimento. La lettura di questo romanzo non è per nulla impegnativa, la storia è scorrevole ma poco originale e a tratti prevedibile.I personaggi e le loro personalità sono descritti superfcialmente e anche la psicolgia della protagonista non viene fuori benissimo, anzi, a volte è anche poco credibile.Nel complesso quindi questo libro non è un gran che, ma è piacevole come lettura da spiaggia...


Non ho trovato tutta questa suspense di cui molti parlano...

Commenti

  1. ciao, nuova follower! Complimenti per blog e recensioni, entrambi belli; ti aspetto da me come lettrice fissa se ti va; qui il mio WWW pubblicato stamattina

    https://ioamoilibrieleserietv.blogspot.it/2017/08/www-wednesday-3.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come ho imparato l'inglese!

Ciao a tutti,  in questo post vi parlerò di come sono riuscito a raggiungere un livello medio-alto di inglese in circa un anno. Anzitutto, vorrei subito specificare che imparare un'altra lingua è veramente un'ardua impresa: sarà necessario armarvi di tanta pazienza e forza d'animo. Molte volte, infatti, soprattutto agli inizi vi troverete a dover fronteggiare situazioni di grande sconforto ed è proprio in quei momenti che dovrete continuare a perseverare e a credere nelle vostre abilità linguistiche, senza mai perdere l'entusiasmo.  Per imparare l'inglese o, più generalmente, una nuova lingua non è strettamente necessario dover viaggiare e fare visita nei paesi in cui tale lingua è parlata.  Tutt'altra cosa, avrete bisogno di migliorare le quattro abilità principali ossia lo speaking ( il parlare), il writing ( lo scrivere), il listening ( l'ascoltare) e il reading ( il leggere). 

Per migliorare lo speaking quello che consiglio spassionatamente è di trovare un a…

Sword Art Online, recensione: che cosa ne penso?

Ciao a tutti,

in questo post ho intenzione di recensire un anime nel quale recentemente mi sono imbattuto! Come alcuni di voi hanno potuto capire già dal titolo, l'anime di cui ho intenzione di parlarvi è Sword Art Online.

Siamo nell'anno 2022, nel giorno in cui avviene il lancio ufficiale di Sword Art Online (SAO), un gioco di ruolo virtuale multigiocatore online. Una volta collegato al NerveGear ( una sorta di console) , permette al giocatore di tuffarsi in un mondo completamente virtuale. Il creatore del gioco ha però reso tale esperienza ancora più unica, escogitando un meccanismo che impedisce d'interrompere l'avventura intrapresa. Infatti un "game over" all'interno del gioco significa anche la morte nel mondo reale.

Ho cominciato a vederlo senza troppe aspettative e l'ho trovato molto piacevole. La storia è avvincente e svolta ogni volta che gli spettatori cominciano ad abituarsi all'ambientazione e ai personaggi . Pur essendo ambientato prev…